Home » Percorsi Turistici » » TRIESTE, ARTE E CULTURA ALL'AROMA...DI CAFFÈ

TRIESTE, ARTE E CULTURA ALL'AROMA...DI CAFFÈ


A che bellu café, solo a Napule 'o sanno fa. Niente di più falso dei luoghi comuni anche se immortalati da una canzone di un grande come De André. Perché il rito del caffè non è solo napoletano. E l'espresso è una "cioccolata", come lo definiva l'indimenticabile Eduardo, anche e soprattutto a Trieste dove la storia di quel "chicco" speciale si perde nella notte dei tempi.
Erede di Venezia nei traffici del Mediterraneo, lanciata come porto della Mitteleuropea dell'Impero Austriaco, crocevia di popoli e rielaboratrice di valori culturali di differenti radici, Trieste vanta un rapporto unico e specialissimo con questa "droga" venuta da lontano e diffusa in particolar modo dai Turchi. Prova ne sia l'importanza delle tante e ammalianti caffetterie frequentate dalla cultura della Bella Epoque. Sedersi ancora oggi a una sedia dei superstiti Caffè (Caffè Tommaseo, Caffè degli Specchi, Caffè Tergesteo, Caffè San Marco, Caffè Stella Polare) significa sentirsi addosso persino lo sguardo paterno, affettuoso o soltanto curioso di James Joyce, Italo Svevo e Umberto Saba. Tutti hanno conservato il gusto austriaco (e viennese in particolare) ma soprattutto lo spirito mitteleuropeo della città.

Quello spirito che più di recente sembrava aver abbandonato Trieste, se paragonato agli albori del passato, ma che è tornato alla ribalta proprio grazie al caffè e ai "Caffè" che continuano a tener sveglia l'aristocratica signora della Venezia Giulia.
Infatti, quello di Trieste è oggi il primo porto del Mediterraneo per traffico di caffè (ha superato nel 2008 le 100 mila tonnellate) e registra il passaggio di quasi il 30% di quello importato in Italia.
Così a Trieste il caffè è un vero business, ma continua ad essere anche un rito. Un rito cui nessuno può rinunciare a tal punto che chiunque metta piede in città resta attratto dai Caffè storici. Sono tutti ancora in centro, anche se, ahimè, sono diminuiti rispetto al passato. Da Piazza dell'Unità è facile fare una sosta nei differenti Caffè raggiungibili attraverso le stradine che da lì si diramano. Basta seguire quell'inconfondibile aroma che vi conduce direttamente nelle sale decorate con stucchi, specchi e mobili in stile liberty. Sono punti di ritrovo di intellettuali di ieri e di oggi e di una clientela differenziata che testimonia come le diverse anime di Trieste siano ancora tante. A conferma che Trieste non è solo una città, ma un mosaico di culture. A testimoniarlo c'è la Fontana dei Quattro Continenti, simbolo tangibile dell'incontro tra le culture. Le quattro figure scolpite con tratti europei, africani, asiatici e americani sono abbracciate da una donna alata che simboleggia Trieste.

Trieste, la mitteleuropea dalle sfumature blu. La città che abbraccia il mare, anzi lo accoglie in “casa”. A cominciare dalla grande Piazza dell’Unità che si raggiunge direttamente dal mare grazie alla Scala Reale.
Su un lato della Piazza spicca l'imponente Municipio.
Altro simbolo importante della città è senza dubbio il bianco "Faro della vittoria” che illumina il Golfo.
Dedicato ai caduti del mare del I conflitto mondiale, si distingue per la statua in rame della Vittoria (collocata all’apice della colonna) e in basso per la scultura del marinaio sotto il quale c’è l'àncora del cacciatorpediniere Audace, la prima nave italiana che entrò nel porto di Trieste nel 1918.
Realizzato invece a picco sul mare, quasi volesse dominarlo, c’è l’Ottocentesco Castello Miramare costruito per Massimiliano D’Asburgo, con il parco ricco di piante e animali e la riserva marina del WWF.
Una passeggiata sul colle di San Giusto, porta alla magnifica Cattedrale simbolo della città.

A che bellu cafè, solo Napule 'o sa fa. Nothing could be further from the truth of clichés although immortalized by the great De Andrè's song.
Because the coffee ritual is not only Neapolitan. And the espresso is a "chocolate", as described by the unforgettable Eduardo, even and especially in Trieste where the story of that special "grain" is lost in the mists of time.
Trieste, Heir of Venice in the Mediterranean trades, launched as a Central Europe port from the Austrian Empire, a crossroads of people and often at a stone's thrown with Ottoman armies, has a very special and unique relationship with this "drug" coming from afar and especially widespread by the Turks. The proof is the importance of many and bewitching popular cafés frequented by the Belle Epoque culture. To sit down again today on a chair of those Café survivors ( Tommaseo Café, Café degli Specchi, Tergesteo Café, San Marco Café, Stella Polare Café) is to feel even on your skin the paternal,affectionate or just curious gaze, from James Joyce, Italo Svevo and Umberto Saba. Everyone have kept the Austrian flavour (in particular the Viennese one) but especially the Central European city spirit.

That spirit that more recently seemed to have abandoned Trieste, if compared to the dawn of the past, but it has returned to the prominences thanks to the coffee and "Cafés" which are still keeping awake the aristocratic lady of Venezia Giulia.
In fact, Trieste is today the first Mediterranean port for coffee traffic (it has passed by the 100 thousand tons in 2008) and it records nearly the 30% passage of all imported in Italy.
So in Trieste coffee is a real business, but also continues to be a ritual. A ritual that no one can give up so that anyone who sets a foot in the city remains attracted by the historic cafés. They are all still in the center, although, alas, they are fewer than in the past. In the Unity Square it's easy to sit in different Cafés reachable through narrow streets branching off from there.You have only to follow that unmistakable aroma that takes you directly into the molding decorated rooms, with mirrors and art nouveau furniture. They are meetings points for intellectuals of past and present and separate customers , showing you how Trieste's different souls are still many. That confirms Trieste is not only a city but a mosaic of cultures. A witness is the Four Continents Fountain, tangible symbol between cultural encounter. The four figures carved with European, African, Asian and American features are embracing a winged woman symbolizing Trieste.


Trieste, the Central European blue shaded. The city that embraces the sea, or better welcomes him into “home”. It begins with the great Unit Square which is directly reached from the sea thanks to the Royal Flush.
On one of the square sides stands the imposing City Hall stands on one
It is undoubtedly another prominent landmark the white “Lighthouse Victory” that illuminates the Gulf.
Dedicated to the First World War Sea fallen, it distinguishes itself for the copper Victory Statue (located at the column apex) and below for the sailor sculpture which beneath has the Daring's destroyer anchor, the first Italian ship that entered in the port of Trieste in 1918.
There is instead the nineteenth-century Castello di Miramare built on the sea,as to dominate it,for Archduke Maximilian of Austria, with a filled park of plants, animals and the WWF marine reserve.
A walk on San Giusto hills, leads us to the magnificent Cathedral symbol of the city.

Fonte Rivista Le Mappe dei Tesori d'Italia Speciale Friuli Venezia Giulia.

Per visualizzare il percorso nella rivista cliccare qui.




Ulteriori Informazioni

Scarica e ascolta le audioguide:
Trieste all'Aroma di Caffè
Trieste Blu

Percorsi Turistici Nei Dintorni...

- La Natura in Penisola

Il Carso,ai Confini della Natura

Tra Italia e Slovenia, percorrendo gli antichi sentieri che uniscono due popoli

Province: Gorizia - Trieste

- Seguendo la Storia

FVG :Sulle Tracce degli Scrittori

Elegante e austera, indicibilmente romantica, Trieste incanta per le sue scenografiche piazze, gli splendidi palazzi, il calore dei caffè storici, luogo d’incontro di artisti,...

Province: Gorizia - Trieste - Udine

- Gustiamo l' Italia

FVG: Piacere del Gusto

Crocevia di popoli e culture, il Friuli è un caleidoscopio di profumi e sapori che mixano con garbo tradizioni locali di terra e di mare con influenze mitteleuropee, mediterranee...

Province: Trieste - Udine - Gorizia - Pordenone

- Gustiamo l' Italia

Di..Vino Friuli

Un incantevole "giardino vitato". Così appare, a colpo d'occhio, il Friuli Venia Giulia che vanta ben otto zone a denominazione di origine controllata dove si producono...

Province: Gorizia - Trieste - Udine

- Un Pizzico di Tutto

TRIESTE, ARTE E CULTURA ALL'AROMA...DI CAFFÈ

A che bellu café, solo a Napule 'o sanno fa. Niente di più falso dei luoghi comuni anche se immortalati da una canzone di un grande come De André. Perché il rito del caffè...

Province: Trieste

- Seguendo la Storia

Trieste: Sulle Orme di Italo Svevo

Percorrendo le stradine del centro si ha la sensazione di essere osservati, come se il grande scrittore fosse lì nascosto, a guardarci incuriosito.

Passing...

Province: Trieste

- In Viaggio con l'Arte

Viaggio attraverso il Triveneto

Immersa in un grande parco, Villa Madruzzo in provincia di Trento, vi assicura week-end all’insegna del relax. Da qui si parte alla scoperta di Trento: città d'arte con forte...

Province: Trieste - Trento - Treviso - Venezia - Udine - Gorizia

Cerca

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter di Tesori D'Italia Magazine

Iscriviti

Mappe Interattive

Cerca Città:

Cerca Punti d'Interesse