Home » Percorsi Turistici » » Cefalù, Erice, Mazara del Vallo, Sciacca

Cefalù, Erice, Mazara del Vallo, Sciacca


Cefalù. Il picco più alto dell’arte arabo normanna in Sicilia ha vista sul mare. Eccolo, dominato dalla Rocca, il Duomo di Cefalù, superba fortezza di fede e tempio di magici mosaici che culminano in quel Cristo Pantocrator dal volto assolutamente umano che regge una pagina della Bibbia. Cultura latina e bizantina, cultura araba ed esperienze nordiche  si fondono nella basilica cattedrale di Cefalù, dedicata alla Trasfigurazione, incompiuto capolavoro di Ruggero II. Ed è qui che il re normanno voleva essere seppellito, mentre trovò invece riposo a Palermo. L´avvio alla costruzione di quella che doveva essere insieme chiesa, fortezza e mausoleo della famiglia regale normanna fu dato il 7 giugno del 1131, sei mesi dopo che Ruggero II fu incoronato re a Palermo. Contemporaneamente si diede il via anche all´ impostazione dei mosaici. Settecento metri quadri di meraviglie. Cefalù, città di grandi sguardi. Come quello custodito al Museo Mandralisca, quel ‘Ritratto di Ignoto’ di Antonello da Messina che nei secoli continua ad interrogarci.


Erice “Sulla vetta più alta in cielo una borgata irta di torri. E’il piccolo borgo di Erice dominato una volta dal più famoso tempio della dea più famosa…Venere…”. Così Roger Pyrefitte, durante un suo viaggio attraverso la Sicilia negli anni ’50, descriveva l’antica cittadina abbarbicata sull’omonimo monte che sovrasta Trapani e da cui è adesso collegata anche con una funivia.

Magicamente sospesa tra Monte Cofano, i cristallini specchi d’acqua della costa trapanese, con panorama sulle Saline, le Isole Egadi e persino lembi d’Africa, Erice, oggi denominata Città della Scienza per la presenza del Centro Internazionale di Cultura Scentifica Ettore Majorana, vanta un lungo passato fitto di miti e leggende mediterranee. Popolata dagli Elimi che vi eressero il tempio dedicato al culto della dea della fecondità e dell’amore, Erice fu poi votata al culto di Afrodite dai Fenici e della Venere ericina dai Romani. Sulle rovine dell’antico tempio sorge ancora il Castello di Venere, fortificato dai Normanni e adiacente ai Giardini del Balio dominati da torri medievali.

Erice accoglie più di sessanta chiese. Ospitano festival di musiche antiche, rinascimentali e chitarra classica. Oggi una di queste, la ex chiesa Santa Croce, si prepara a diventare la sede prestigiosa di un Centro internazionale sulla diversità culturale, grazie al contributo del club Unesco di Erice che ne farà sede di mostre, convegni, biblioteca.

Un fascino antico, quieto e molto romantico, è l’atmosfera d’antico borgo medievale animato da botteghe di artigianato, ceramiche, rinomati tappeti, sublime pasticceria alle mandorle servita su preziosi manufatti d’epoca all’interno di caffè, bar e pub accoglienti e discreti.


Mazara del Vallo. Dopo gli arabi che al porto e alla città avevano dato massimo splendore ed efficienza, i normanni la trovarono così ricca e vivace da nominarla capitale dell’intera Val di Mazara. E ancora oggi Mazara del Vallo, con la sua flotta di pescherecci più grande d’Italia, con quella struttura urbanistica e con le sue tante opere d’arte, crea magnificamente quel ponte di cultura e di commerci tra Europa ed Africa. L’antica casbah, la via Bagno con storico hammam, il porto canale, la Chiesa San Nicolò Regale ,la Cattedrale San Salvatore, il Seminario dei Chierici, il Museo Diocesano, il Palazzo Vescovile , elegante architettura si sposa con gli spazi di una città antica che deve oggi la sua fama internazionale alla presenza del più bel satiro danzante ritrovato nelle acque del Mediterraneo. Ospitata in piazza Plebiscito, nella sconsacrata Chiesa San Egidio la statua, databile intorno al IV secolo a.C., è davvero unica al mondo. Testa all’indietro, capelli fluenti, braccia tese, tutto il corpo travolto dalla sua danza selvaggia, il Satiro pare facesse parte di un corteo di Dioniso. E lo spettacolo, nei secoli, continua.


Sciacca. Tra le città termali più antiche d’Italia, Sciacca deve il suo antico nome Xacca cioè acqua agli arabi che dopo i fenici, i greci e i romani amarono e valorizzarono le sue sorgenti e la sua grotta solforosa ancor oggi attive e frequentate tra le terrazze e le piscine dello stabilimento liberty delle Terme. Sciacca, rinomata capitale del pesce fresco, ben conserva e valorizza i sontuosi palazzi e le chiese che raccontano la storia dei nobili feudatari del vino e degli olivi della zona. Uno fra tutti, il Palazzo siculo-catalano Steripinto, con il suo portone istoriato e le finestre a bifora, a pochi passi da Piazza Terrazza Scandaliato con vista sul Canale di Sicilia, sotto il vecchio quartiere dei pescatori, vasai e ceramisti. La loro scuola, insieme a quella dei corallari, resta tra le più importanti della Sicilia. Persino i gradini che conducono al vecchio porto ne sono rivestiti. Colori al sole baciati dal mare turchino.


( Fonte Grand Tour Cult Sicilia)


Percorsi Turistici Nei Dintorni...

- Gustiamo l' Italia

Ricette e Tradizioni in Agriturismo

Rivivere le tradizioni della campagna siciliana, con la conoscenza dei prodotti tipici della gastronomia locale nella riscoperta di antiche ricette..

Province: Agrigento - Catania - Palermo - Ragusa - Siracusa - Trapani - Messina - Enna

- Seguendo la Storia

Alle Origini del Mito

In viaggio attraverso campi di grano, terre brulle e fichi d’India, e poi all’improvviso, ecco aprirsi allo sguardo del viaggiatore templi antichi di rara bellezza, teatri e...

Province: Agrigento - Enna - Siracusa - Trapani - Messina

- Un Pizzico di Tutto

Natura,Storia & Spettacoli dal Fascino Antico

In tutte le stagioni, la Val di Mazara offre un calendario ricco di appuntamenti culturali ed enogastronomici che esaltano il territorio e i suoi sapori.

Province: Agrigento - Palermo - Trapani

- Seguendo la Storia

Dalla Costa al Cuore della Regione...

Architetture sul mare a Trapani, memorie di antiche civiltà ad Agrigento e le perle dell’entroterra

Province: Agrigento - Enna - Trapani - Caltanissetta

- La Natura in Penisola

Prodigi della Natura

Quattro parchi regionali, quattro aree marine protette, 76 riserve: una Sicilia a misura di natura, tutta da scoprire

Province: Trapani - Agrigento - Palermo

- In Viaggio con l'Arte

Cefalù, Erice, Mazara del Vallo, Sciacca

Chiese sontuose che custodiscono tesori, castelli che raccontano la storia di secoli lontani e borghi medievali dominati dalle botteghe artigiane.

Province: Trapani - Palermo - Agrigento

- Un Pizzico di Tutto

Ispirazioni Creative che Parlano della Sicilia

Suggestioni di Viaggio
Con le parole, le immagini o le note: affreschi di una regione viva e ricca di cultura, dalla quale lasciarsi stupire ed ammaliare.

Province: Palermo - Ragusa - Catania - Siracusa - Agrigento - Messina

- Gustiamo l' Italia

Fast Food tra i Mercati di Palermo & Trapani

Tra le stradine e i vicoli dei mercati storici di Palermo e Trapani passeggiare è un viaggio dei sensi. Solo qui tra i colori, gli odori, i suoni e i sapori della tradizione il...

Province: Catania - Messina - Palermo - Ragusa - Trapani - Agrigento

Cerca

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter di Tesori D'Italia Magazine

Iscriviti

Mappe Interattive

Cerca Città:

Cerca Punti d'Interesse