Home » Percorsi Turistici » » Tesori pittorici nella Marmilla

Tesori pittorici nella Marmilla


1^ tappa: Retablo di Villamar
All'interno della parrocchiale di San Giovanni Battista si trova il Retablo di Villamar. Interamente realizzato da Pietro Cavaro, è un documento fondamentale della storia dell'arte in Sardegna non solo per la sostenuta qualità della pittura, ma anche perché è un'opera datata e firmata: Pietro Cavaro, 1518. L'opera è un organismo complesso che dispone, intorno alla nicchia centrale con la statua della Vergine con Bambino, scomparti pittorici di raffinate combinazioni di colori su un fondo oro.
Ha la caratteristica di ospitare, nello scomparto centrale, una statua e non un dipinto, dettaglio non raro nei retabli spagnoli e sardi, come in quello di Ardara. Il luccichio dello sfondo dorato nei dipinti e nelle parti strutturali convive con una rigorosa impostazione prospettica data agli ambienti, e ad un sapiente uso del chiaroscuro per suggerire i volumi delle figure. Non mancano evidenti richiami al Rinascimento italiano, come nelle solide figure di santi nei polvaroli (ante laterali che servivano a riparare i dipinti dalla polvere) e nelle porte, o alla drammatica pittura tedesca nota attraverso le stampe del Dürer.

2^ tappa: Retablo di Gonnostramatza
A Gonnostramatza, nella parrocchiale di San Michele Arcangelo, si trova il Retablo di Gonnostramatza di Lorenzo Cavaro (1501), fondatore della bottega di Stampace. Il polittico si compone di tavola centrale con Madonna in trono con Bambino e angeli musicanti, attorno a cui si dispongono le altre tavole del retablo.

3^ tappa: Retablo di Tuili
All'interno della Parocchiale di San Pietro, in piazza Chiesa, si trova l'imponente Retablo di Tuili (1500), anch’essa opera di grande importanza nella pittura in Sardegna. Anzitutto perché ha una attestazione documentaria: il 1500. In secondo luogo, perché appartiene alla mano del misterioso pittore catalano attivo non solo in Sardegna ma anche in Corsica, chiamato Maestro di Castelsardo per il retablo da lui dipinto nella Cattedrale San Antonio Abate a Castelsardo.
A Tuili l’opera del Maestro di Castelsardo si può osservare nella sua integrità, nei preziosismi luminescenti delle dorature, negli accostamenti raffinati dei colori, nel segno grafico inconfondibile, che disegna personaggi dalle espressioni malinconiche e assorte. La Vergine raffigurata nello scomparto centrale è una bellissima dama aristocratica, il cui corpo longilineo si ammanta di una ricca veste damascata.

( Fonte dei dati www.sardegnaturismo.it)


Percorsi Turistici Nei Dintorni...

- In Viaggio con l'Arte

Tesori pittorici nella Marmilla

Sulle strade dell'arte Con gli itinerari artistici, cuciti per temi o studiati in base ai territori, si propone la conoscenza del patrimonio culturale isolano. Dall'epoca...

Province: Sassari - Oristano - Medio Campidano

- Seguendo la Storia

Dove la Luna si Riflette sulle Sacre Acque

Conquistati dalla cultura. La collocazione della Sardegna, nel cuore del Mediterraneo occidentale, l'ha resa meta obbligata nella rotta di numerose popolazioni che vi sono giunte:...

Province: Cagliari - Oristano - Medio Campidano

- Gustiamo l' Italia

I Colori Dorati dei Campi della Trexenta

Il percorso proposto è un itinerario del pane, in una zona della Sardegna nota come la Trexenta, che in antichità era uno dei "granai" della Roma antica. L'itinerario tocca due...

Province: Cagliari

- La Natura in Penisola

La Transumanza, alla Ricerca di Verdi Pascoli

Fino a qualche decennio fa i pastori del Gennargentu praticavano la pastorizia transumante: il freddo inverno del Supramonte, infatti, non avrebbe consentito alle greggi di...

Province: Nuoro - Medio Campidano - Oristano

- Sul Cammino di Fede

Cagliari si Veste di Marmi Preziosi

Un itinerario alla scoperta dei modi in cui si espresse il linguaggio artistico barocco a Cagliari. Dalla cattedrale, laboratorio progettuale nel XVII secolo protagonista di...

Province: Cagliari - Nuoro

- La Natura in Penisola

Passeggiando tra stagni e montagne

Le diverse caratteristiche ambientali del sud Sardegna hanno permesso che esso diventasse habitat naturale di numerose specie ornitiche, che qui vivono per tutto l'anno o...

Province: Cagliari - Carbonia-Iglesias

Cerca

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter di Tesori D'Italia Magazine

Iscriviti

Mappe Interattive

Cerca Città:

Cerca Punti d'Interesse