Home » Natura e Benessere » Luoghi naturali » Località Sacro Monte

Luoghi Naturali


Località Sacro Monte


Il nome al Sacro Monte di Varese, come testimonia un’antica pergamena risalente al 922, venne dato alla cima per la presenza della chiesa di Santa Maria, “sita in monte Vellate”.


Dall'epoca romana alla fine del medioevo: la zona fortificata
In epoca romana la zona divenne una roccaforte militare e mantenne per secoli questa funzione; anche quando, nel sec. IV, Sant’Ambrogio posò il primo altare sulla cima del monte: secondo la leggenda infatti il santo avrebbe fatto erigere una chiesetta per ringraziare la Vergine della vittoria ottenuta sugli eretici Ariani (seguaci del credo predicato dal prete alessandrino Ario).
Il luogo conservò la sua funzione di rocca militare stretta attorno alla chiesa e fin quasi al 1300 fu tra le zone fortificate più importanti del Contado del Seprio.

Il XV sec.: l'aspetto religioso
A partire dal sec. XV l’aspetto religioso del luogo divenne prioritario: sorsero i primi eremitaggi e, nel 1476, venne eretto il Monastero con il sostegno delle beate Caterina e Giuliana alle cui spoglie è dedicata una cappella del Santuario.

Il XVII sec.: la via sacra
La costruzione delle cappelle risale invece al XVII sec.: ebbe inizio nei primi del ’600 e fu completata nell’arco degli 80 anni successivi. Per l’avvio di questa monumentale opera grande importanza ebbe il frate cappuccino G. Battista Aguggiari da Monza.
Lo scopo fu anche quello di creare una via agevole d’accesso alla cima del monte: fino a quel momento era possibile raggiungerlo solo tramite i boschi e sentieri scoscesi. Il progetto e la creazione della via devozionale sono il simbolo della volontà della Chiesa di voler riaffermare, agli inizi del XVII sec., il culto della Vergine: il luogo è prossimo alla Svizzera, fonte, al periodo, di influenze da parte delle correnti protestanti, eretiche rispetto alla dottrina cattolica.
Per la realizzazione del complesso ci si avvalse dell’architetto varesino Giuseppe Bernascone, detto “il Mancino”, nonché di valenti scultori e pittori tra i quali: Bussola, Prestinari e Silva, Nuvolone, i fratelli Recchi e P. Francesco Mazzucchelli, detto “il Morazzone”.
Le cappelle sono state restaurate tra la fine degli anni ’80 e gli anni ’90 del ’900.



Schede informative: ItaliaMappe.it

Contatti

Indirizzo: VIALE DEL SANTUARIO Varese  .  (VA)


Percorsi Turistici Nei Dintorni...

- Sul Cammino di Fede

La Via Sacra - Varesotto

Una larga carreggiata ciottolata fiancheggiata da muretti, si inerpica sulla costa della montagna per 2,2 km salendo dai 585 m , una grande impresa e una via per i pellegrini

Province: Varese

- La Natura in Penisola

Panorami sul lago dal parco Morselli

Un'incantevole oasi verde a pochi passi dal lago di Varese

Province: Varese

- Vacanze Sportive

In Canoa scivolando sulle acque del "Fiume Azzurro"

Nessuna regione italiana ha protetto tanti tratti di fiume come la Lombardia: Adda, Mincio, Oglio, Serio, Ticino. E noi, volendoci soffermare su quell’esperienza unica che...

Province: Milano - Pavia - Varese - Mantova - Verbano-Cusio-Ossola - Cremona

- Vacanze Sportive - La Natura in Penisola

Il Piacere di Vogare

Mentre scivoliamo lievi sulle acque del Ticino sappiamo di non dare disturbo neppure agli animali quando quasi li sfioriamo.

Province: Milano - Pavia - Varese

- In Viaggio con l'Arte

Luoghi di Delizia e Superbe Ville Gentilizie

I territori a nord di Milano – distribuiti lungo le direttrici per Varese, Como e Bergamo - tra il XV e XIX sec. sono stati protagonisti di un fenomeno conosciuto come Civiltà...

Province: Milano - Monza e Brianza - Bergamo - Como - Varese - Verbano-Cusio-Ossola

testo alternativo

Cerca

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter di Tesori D'Italia Magazine

Iscriviti

Mappe Interattive

Cerca Città:

Cerca Punti d'Interesse

testo alternativo